La Radio

La volontà di creare una radio nacque, come accade spesso, in modo del tutto casuale e fortuita. Tramite la conoscenza diretta di Lorenzo Minatti, uno del gruppo dei “7 Belli”, scoprimmo che presso la Casa del Popolo dell’Antella era sorta la web radio “Saunaradio” e che questa aveva delle lacune da colmare nel palinsesto. Dotati di un insano senso dell’umorismo corrosivo e dalla voglia di condividere un po’ di tempo insieme in un’esperienza nuova, creativa e ludica, ci tuffammo in quest’esperimento per più di due anni e creammo la trasmissione “Saunasega”; purtroppo poi la radio, ormai trascurata dai propri fondatori ed abbandonata a se stessa, chiuse e per forza di cose dovemmo abbandonare. Fu davvero un peccato perché dal nulla eravamo riusciti ad affinare la vis comica, a limare i tempi tecnici, a piegare ai nostri voleri una regia ed un mixer che nessuno di noi prima d’allora aveva mai usato, ad entrare in una routine consolidata produttiva di sketch e ad avere un sito ben strutturato e frequentato regolarmente…ed infine iniziavano ad arrivare anche degli attestati di stima da perfetti sconosciuti che, su Facebook, ci incitavano a continuare, a produrre nuove puntate.
 

 

Poco prima che questa entusiasmante esperienza si esaurisse, coinvolgemmo anche un amico di vecchia data nelle nostre serate ludiche: Andrea Malpezzi. Incidentalmente fu allora che nacque l’idea di creare una nostra radio, modellata sulle nostre esigenze; Andrea aveva la volontà ed i contatti necessari per poter trasformare un anelito in una realtà effettiva e così è stato: QUASIRADIO si è formata grazie al nostro sforzo congiunto ed ognuno dà il suo contributo in base alle proprie specificità e competenze.

Lo scoglio piú grande da sorpassare è stato il nome da assegnare a questa webradio. Sono stati ventilate infatti svariate opzioni; politiche, comiche  e di fantasia. Trovare il nome della radio era diventata un’ossessione . Convincere ed uniformare dieci teste sembrava impossibile. Poi una sera, “il Degio” , osservando la sala regia, fece un’osservazione che si rilevó decisiva……”ragazzi! Questa è quasi una radio” ed Andrea ribadí “quasiradio.it”