The Deep Blue Sea: Donne che amano troppo

Al Teatro Della Pergola una platea gremita di donne si riconosce nel classico della drammaturgia inglese contemporanea The Deep Blue Sea

 

di Stefania Polli e Barbara Rovai

 

In The Deep Blue Sea si parla della visione appassionata e totalizzante dell’amore da parte delle donne in contrapposizione con l’insensibilità e l’utilitarismo che caratterizzano spesso il comportamento maschile.

Hester ha lasciato il marito, un giudice dell’Alta Corte, e con lui una vita agiata nella buona società, ma ha lasciato soprattutto un amore formale, di facciata, in cerca di un sentimento più sincero e profondo.

In realtà il giovane Freddie si dimostra ben presto incapace di amarla come lei vorrebbe: alcolista disoccupato e con notevoli problemi economici, la relega ad un ruolo quasi materno e la costringe a vivere continuamente la frustrazione di non essere nè capita, nè apprezzata . Ma Hester continua ad amarlo appassionatamente e senza riserve e, quando Freddie dimentica persino il suo compleanno, consapevole che quest’uomo non la farà mai felice ma anche  di non poter vivere senza di lui, tenta il suicidio.

Lo spettacolo si svolge nell’arco delle dodici ore successive al tentato suicidio, sulla scena si alternano, oltre a Hester, Freddy e l’ex marito, la padrona di casa Signora Eltoni  vicini di casa coniugi Welch , il medico radiato dall’albo  sig. Miller e Jackie, un amico di Freddie.

Il tentativo di togliersi la vita serve sia ad Hester che a Freddie per vedere con spietata chiarezza la loro relazione che è “la morte di entrambi”, è il profondo mare blu della passione ma anche della solitudine e dell’angoscia, e quando a Freddie viene proposto un lavoro in Sud America, egli decide di accettarlo e di troncare la relazione.

Hester, in un primo momento, ripensa al suicidio come soluzione, e sono le parole del Sig. Miller, il quale ha patito umiliazioni e perfino la prigione probabilmente per il troppo amore verso il suo lavoro, che le aprono gli occhi sulla possibilità di “rinascere” dai propri fallimenti, di vedere nuove possibilità e nuovi orizzonti, di avere nuove prospettive. E quando Freddie sarebbe anche disposto a tornare con Hester, è lei che ormai ha deciso di cambiare vita.

Questa capacità delle donne di reagire in positivo a rapporti annientanti e umilianti con uno scatto di forza interiore ed orgoglio, a volte  porta all’inizio di una niuova vita, mentre molte altre sfocia in tragedia, come purtroppo l’attualità ci dimostra quasi quotidianamente.

Lo spettacolo è molto piacevole, pieno di spunti di  riflessione sulla complessità degli esseri umani e dei rapporti che li legano, gli attori intensi e convincenti e la scenografia semplicemente BELLISSIMA, con profondità e luci veramente efficaci: quando il sipario si apre lo spettatore si ritrova immediatamente in un appartamento di South Kensington, quartiere dove l’autore è nato.

THE DEEP BLUE SEA

In scena al teatro della Pergola dal 09/11/18 al 18/11/18, di Terence Rattigan, per la regia di Luca Zingaretti.

Luisa Ranieri /Hester Collyer

Alessia Giuliani/ Signora Elton

Flavio Furno/Philip Welch

Maddalena Amorini/Ann Welch

Aldo Ottobrino/Miller

Luciano Scarpa/ Sir William Collyer

Giovanni Anzaldo/Freddie Page

Giovanni Serratore/Jackie Jackson